Michele Mari, Fantasmagonia, Einaudi 2012

Per Michele Mari la letteratura è un luogo dove tutte le cose sono accadute e dove tutte le cose devono ancora accadere.
Achille si lamenta delle proprie sorti e invidia, comprendendolo, l’onor di pianti goduto da Ettore. Gianciotto Malatesta racconta in endecasillabi sciolti (e tuttavia danteschi) il suo punto di vista personale intorno a Francesca da Rimini. Omero e Borges si ritrovano fianco a fianco allo stadio e si scambiano complimenti. Altre volte il quadro si complica ulteriormente. Jakob e Wilhelm Grimm taglieggiano il fratellastro per farsi consegnare le trame delle fiabe, ma chissà se il povero Ludwig non abbia pure lui un suo ghost writer? Una «forma di vita indomabile e avventurosa» giunge a incarnarsi nell’«omino metodico e tranquillo» Emilio Salgari. La giornata nella vita di Niccolò Machiavelli pare proprio uguale a quanto lui stesso racconta nell’epistola al Vettori, ma anche qui dev’esserci qualcosa che si nasconde sotto.
«Così ci tocca la pazzia di chi legge, e l’insonnia». Fantasmagonia si compone di 34 pezzi brevi e intrinsecamente disomogenei che prolungano e consolidano l’esperienza di Mari nell’inseguire i sogni e le visioni dell’infanzia. Nella dimensione qui dispiegata i tre cardini della comunicazione narrativa – autore, personaggio e fruitore – più che agire sembrano anzi soggiogati a un destino, che è identico: venuti a contatto grazie alla parola (sia essa l’alto canto dei poeti, la filastrocca per bambini oppure l’elenco dei sinonimi di “cacca”), è nella parola che questi attori passivi ritornano, per realizzarsi, completarsi e divenire in grado di sconfiggere «il mostro». Il tutto condito (come è d’uopo aspettarsi da una penna di questo calibro) dall’arguzia del lessico, dall’intelligenza delle frasi e dalla maniera dello stile. Dispiace che a volte un certo carattere di incompiutezza sia esibito con troppo compiacimento, ma resta il fatto che, per citare dallo stesso autore, se sono altri ad aver messo a disposizione i demoni, lui dal canto suo fornisce una pasta sfoglia di squisita fattura.

¤ Torna alla «Review» ¤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...